La patrie dal Friul

Maggio 2017

 

Prin di Mai dal 2017: fieste dai… no impleâts

Di Roberto Muradore

I dâts dal mont dal lavôr a esprimin doi aspiets grâfs: la grande cuantitât di lavôr no doprât de nestre economie regjonâl, e la valence sociâl negative di cheste potenzialitât straçade. Intal 2007, an precrisi, la cuantitât di “lavôr no doprât” in F-VJ e jere di 44.500 unitâts. Intal 2015 i lavoradôrs no impleâts a son stâts ben 95.500: 43.102 disocupâts, 39.447 discoragjâts e 13.018 'sospindûts'. Masse, pe tignude de coesion sociâl. La economie dal Friûl-Vignesie Julie, intal 2015, no à doprât il 16,5% dal lavôr disponibil tal complès, ven a stâi une persone ogni sîs! Il lavôr no doprât al riscje, intal timp, di trasformâ i sogjets coinvolts in personis in grant pericul di puaretât e di metiju in situazions di deprivazion materiâl, tant che a testemonein lis desenis di miârs di bisugnôs assistûts dal Banc Alimentâr e di chês altris Associazions di volontariât.

La crisi, dal 2008 al 2015, e à fat pierdi plui o mancul 23.000 ocupâts. Il dât plui negatîf tra lis regjons dal Nord Italie. Intal ultin bieni in Italie e je stade une cressite ocupazionâl lizere che no à rivuardât, però, la nestre regjon. La crisi e à falcidiât il lavôr soredut di une vore di zovins, cussì come che intal rest dal paîs, e a son stâts 'stratignûts' al lavôr, invezit, lavoradôrs madûrs e anzians. Dal 2008 al 2015 a son stâts pierdûts cuasi 50.000 puescj di vore tra chei une vore zovins e tra i zovins. Il pericul al è che la espulsion dal marcjât dal lavôr si trasformi par chescj in esclusion sociâl, margjinalitât e esodi, cence podê tornâ indaûr.

Il teme centrâl al è e al sarà chel dal lavôr, dai zovins in mût particolâr. Pal Friûl ancjemò di plui, calcolât l'impuariment demografic, il scjampâ tal forest dai nestris zovins e l'arest dai flus migratoris. Movìnsi cun urgjence cun politichis ativis dal lavôr incisivis, par mantignî un nivel dignitôs di benstâ e di coesion sociâl. E nol va dismenteât che in Friûl e je une vere vocazion e culture dal lavôr, ancje dai zovins. No si sclarirès, intune altre maniere, il parcè che a fasin masse dispès, se lu cjatin, un lavôr precari, sot paiât e cence prospetivis. Pal lavôr e covente une economie che e funzioni ben. Lis impresis par podê competi a inovaran procès e prodots (industrie 4.0) e chest nol crearà, in tiermins di cuantitât, gnûf lavôr, ma lu trasformarà une vore. Il lavôr, in definitive, nol cressarà in proporzion ae produtivitât dai robots, anzit. Si imponin, duncje, gnovis concezions e visions dal lavôr e gnovis modalitâts di redistribuzion de ricjece produsude.

***********************************

I dati del mondo del lavoro esprimono due aspetti gravi: la grande quantità di lavoro inutilizzato dalla nostra economia regionale, la valenza sociale negativa di questa potenzialità sprecata. Nel 2007, anno pre-crisi, la quantità di “lavoro inutilizzato” in Fvg era pari a 44.500 unità. Nel 2015 i lavoratori inutilizzati sono stati ben 95.500: 43.102 disoccupati, 39.447scoraggiati e 13.018 ‘sospesi’. Troppi per la tenuta della coesione sociale. L’economia del Friuli Venezia Giulia, nel 2015, non ha utilizzato il 16,5% del lavoro complessivamente disponibile, cioè 1 persona ogni 6! Il lavoro inutilizzato rischia, nel tempo, di trasformare i soggetti coinvolti in persone ad elevato rischio di povertà e di precipitarli in situazioni di deprivazione materiale come testimoniano le decine di migliaia di bisognosi assistiti dal Banco Alimentare e dalle altre Associazioni di volontariato.

La crisi, dal 2008 al 2015, ha fatto perdere circa 23.000 occupati. Il dato più negativo tra le regioni del Nord Italia. Nell’ultimo biennio in Italia c’è stata una lieve crescita occupazionale che non ha riguardato, però, la nostra regione. La crisi ha falcidiato il lavoro soprattutto di tantissimi giovani, così come nel resto del Paese, e sono stati ‘trattenuti’ al lavoro, invece, lavoratori maturi ed anziani. Dal 2008 al 2015 si sono persi quasi 50.000 posti di lavoro tra giovanissimi e giovani. Il rischio è che l’espulsione dal mercato del lavoro si trasformi per questi in esclusione sociale, marginalità ed esodo senza ritorno.

Il tema centrale è e sarà quello del lavoro, dei giovani in modo particolare. Per il Friuli ancora di più, considerato l’impoverimento demografico, la fuga all’estero dei nostri giovani e l’arresto dei flussi migratori. Attrezziamoci urgentemente con politiche attive del lavoro incisive, al fine di mantenere un livello dignitoso di benessere e di coesione sociale. E non va dimenticato che in Friuli c’è una reale propensione e cultura del lavoro, anche dei giovani. Non si spiegherebbe, altrimenti, il perché svolgono troppo spesso, se lo trovano, un lavoro precario, sotto pagato e senza prospettive. Per il lavoro necessita una economia che funzioni bene. Le imprese per poter competere innoveranno processi e prodotti (industria 4.0) e ciò non creerà, in termini di quantità, nuovo lavoro e lo trasformerà profondamente. Il lavoro, in definitiva, non crescerà proporzionalmente alla produttività dei robot, anzi. Si impongono, pertanto, nuove concezioni e visioni del lavoro e nuove modalità di redistribuzione della ricchezza comunque prodotta.

Roberto Muradore
Roberto Muradore
archivio

altre risorse: